BENVENUTI!

Per accedere alla propria area personale inserire i dati di accesso

Buona navigazione

Member Login

Lost your password?

26/01/09 – Nikolajewka: i più non tornano!

26 gennaio 2009
By

Lunedì 26 gennaio 2009, alle ore 21 presso il centro don Ernesto Bordignon a Castelfranco Veneto, ricorderemo il 66° anniversario della ritirata da Nikolajewka durante la seconda guerra mondiale.

Avremo due ospiti d’eccezione: Nelson Cenci e Giovanni Tosello, due reduci di Russia , il primo autore del libro “Ritorno. La drammatica esperienza degli alpini di fronte russo raccontato da uno di loro”.

Mario Rigoni Stern era sergente e con lui Nelson Cenci ha vissuto la guerra sul fronte russo. Ufficiale degli alpini nel battaglione Vestone, partito per la Russia nel giugno del ’42, Cenci e Tosello ricorderanno e ci racconteranno tutti quei momenti, le sensazioni, le paure e la voglia di tornare a casa. Verrà inoltre proiettato un filmato originale sulla ritirata dei nostri alpini ed il coro alpino di Santa Giustina ci farà ascoltare le canzoni cantate in guerra dalle nostre penne nere.

Una serata per ricordare e non dimenticare!

Ecco il link alla cartina per arrivare al centro Don Ernesto Bordignon

Per informazioni: 3298681268 oppure info@fondazioneberro.it
passa parola

Un po’ di storia
Per calcolo politico, nella primavera-estate 1942, alle Armate germaniche sul Fronte russo del medio Don era stata affiancata un’Armata italiana di 230.000 uomini della quale faceva parte il Corpo d’Armata Alpino.
Quest’ultimo era composto dalle divisioni Cuneense, Julia e Tridentina.
Queste Unità, secondo gli accordi, avrebbero dovuto operare sulle montagne del Caucaso a fianco delle divisioni alpine germaniche. Finirono invece sulla piatta steppa del Don come Divisioni di Fanteria, incuneate fra gli Ungheresi a Nord e l’Armata italiana, una Divisione tedesca e l’Armata rumena a Sud, a combattere un genere di Guerra per il quale erano completamente prive di mezzi adeguati.

Il 19 novembre 1942 l’Armata Rossa scatenò l’offensiva sul Fronte del Don travolgendo gli alleati.
La Divisione “Julia” fu prelevata dai suoi caldi rifugi sul fiume Don, sostituita dalla Divisione Vicenza, e spedita ad arrestare e respingere lo sfondamento russo a sud, a fianco della “Cuneense”. Fedeli al motto “Di qui non si passa”, in effetti vi  riuscirono per un mese intero, accovacciati dentro buche scavate in mezzo alla steppa gelata e con un rapporto di inferiorità di 1:13. Il Settore di Nowo-Kalitwa dove operarono fu l’unico a Nord di Stalingrado dove i russi non riuscirono a sfondare. La manovra a tenaglia sovietica, purtroppo,  pur impegnata duramente dagli alpini, aggirò alle spalle il Corpo d’Armata Alpino chiudendolo in una enorme sacca.
Le due Divisioni si sacrificarono ancora a Novo-Postojalowka, dopo aver iniziato la ritirata. In questa località, in più di trenta ore di combattimento, quattordici battaglioni della “Julia” e della “Cuneense” e sette gruppi di Artiglieria Alpina assorbirono l’urto del nemico nella più grande e sanguinosa battaglia sostenuta dal Corpo d’Armata Alpino in Russia.
“Julia” e “Cuneense” saranno annientate dai russi il 22 gennaio e il 27 e 28 gennaio contro
In questo modo alleggerirono la pressione sulla “Tridentina”, che poté continuare il ripiegamento. I pochi superstiti si aggregheranno alla colonna guidata dalla Divisione, unica speranza di salvezza, che avanzava combattendo senza riposo per aprirsi la strada. Una massa imponente di sbandati di ogni reparto ed esercito, feriti e congelati la seguì per più di 300 Km.

Aprendosi la strada combattendo, la Divisione, grazie anche al sacrificio delle Divisioni sorelle, trasformò la ritirata nella più inarrestabile e tragica avanzata in territorio nemico che si sia mai vista. In condizioni disumane per quanto riguarda cibo e riparo, con scarsissime munizioni, senza mezzi di trasporto se non slitte attaccate ai fedeli muli, senza potersi prendere cura dei compagni caduti, con temperature di 40° sotto zero, gli Alpini salvarono la vita a se stessi e agli italiani, tedeschi, rumeni, ungheresi che erano con loro.

Il mattino del 26 gennaio 1943, dopo 9 giorni di marcia e 25 battaglie di sfondamento e retroguardia, gli Alpini giunsero all’appuntamento con lo scontro finale, definitivo: lo sbarramento di Nikolajewka, l’ultimo “catenaccio sovietico” sulla strada della salvezza.
La battaglia si accese subito violentissima ma l’esito rimase a lungo incerto. I reparti alpini ancora efficienti cercarono di sfondare, con gravissime perdite, lo sbarramento russo situato sul terrapieno della ferrovia che precludeva l’accesso al paese. Intanto il costone che dominava la città, dove si era arrestata la colonna, diventò il bersaglio delle artiglierie dei controcarri e dell’aviazione sovietiche che sparavano senza pietà dritto in mezzo alla massa di uomini accalcati, facendone scempio.
Al calar della sera, il generale Reverberi, Comandante della “Tridentina”, passò all’azione incitando personalmente l’ultimo assalto al grido: “TRIDENTINA…! TRIDENTINA AVANTI..!”.

L’avranno udito, forse, solo alcuni, a pochi metri, ma tutti i veterani di questa battaglia giurano di averlo sentito. L’alternativa era la morte nella notte della steppa congelata.
 
Sotto la spinta dell’ultimo, disperato attacco degli italiani, e della massa disperata di sbandati,  i sovietici abbandonarono il campo, fuggendo disordinatamente e lasciando sul terreno centinaia di morti e feriti. Le migliaia di disperati trovarono in città non i russi, ma le armi dei russi.
Dopo dieci ore di combattimento, attraverso il varco aperto uscirono i 13.420 uomini del Corpo d’Arma Alpino: erano 61.155 quando avevano lasciato le rive del Don, dieci giorni prima.
Tale impresa, impossibile da descrivere a fondo, ha fatto meritare agli alpini la citazione nel Bollettino N°630 del Comando Supremo Russo, emesso da Radio Mosca ai primi di febbraio. Annunciando il travolgimento delle forze dell’Asse sul fronte del medio Don e la caduta di Stalingrado, precisò: “Soltanto il Corpo d’Armata Alpino Italiano deve considerarsi imbattuto in terra di Russia”.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.